Salta al contenuto principale Salta alla navigazione principale Salta al piè di pagina

Osservatorio sulle edizioni critiche

Il progetto scientifico

Logo dell'Osservatorio

L’Osservatorio sulle edizioni critiche (OEC) ha come scopo monitorare le pubblicazioni che escono con la dizione edizione critica o comunque quelle edizioni che mirano a proporre al lettore un testo affidabile, costituito con parametri scientifici e introdotto con criteri altrettanto scientifici. Di queste edizioni si fornisce dunque una sintetica descrizione delle loro caratteristiche e della loro struttura, con l’obiettivo di creare un luogo dove chi è interessato possa vedere con chiarezza le strade che stanno prendendo le prassi ecdotiche dei nostri tempi (come strategie di lavoro, realizzazioni pratiche e linguaggio utilizzato), registrare eventuali mutamenti di terminologia e di finalità, trarne indicazioni per il lavoro proprio e dei propri allievi.

Lo strumento attraverso cui si propongono queste descrizioni è una recensione – tradizionalmente intesa, come scritto che dà conto di una nuova pubblicazione in termini discorsivi ampi – oppure una scheda – che invece restituisce i dati essenziali della nuova edizione in modo più schematico. Questi materiali sono consultabili attraverso un database on line.

Il laboratorio è fondato da studiosi di discipline diverse, distese su un arco cronologico molto ampio (dalla classicità greca alla letteratura italiana moderna e contemporanea, attraverso il medioevo latino e romanzo) e scommette dunque sulle valenze interdisciplinari della ricerca.

L’OEC è nato da un’idea di Alberto Cadioli, Paolo Chiesa, Stefano Martinelli Tempesta, William Spaggiari e Roberto Tagliani.

I partecipanti

VF
Vera Fravventura
Collaboratore esterno